Omnicomprensivo Fanfani Camaiti

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Scuola

Ist. ALBERGHIERO
 
 
 
 
 
 
 
 

Info  Utili

ISTITUTO PROFESSIONALE  STATALE
"SERVIZI PER L' ENOGASTRONOMIA E L'OSPITALITA' ALBERGHIERA"
"M Buonarroti"
Loc Zenzano 52033 Caprese Michelangelo (AR)
tel 0575/793592       fax 0575/793554
mail:  aris01800a@istruzione.it

 
Dove siamo

PRESENTAZIONE

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE
“Alberto Maria Camaiti”


A l b e r g h i e r o

Dal 2000, l’Istituto “Camaiti” di Pieve S. Stefano si è arricchito di un altro percorso scolastico, rispon­dendo alle esigenze del territorio ed ampliando l’offerta formativa, con l’istituzione dell’Istituto Professionale Statale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione ubicato a Caprese Michelangelo in una nuovissima e bella struttura scolastica facente parte del Centro Sportivo di importanza nazionale in località Zenzano. Dall’anno scolastico 2009/2010 è attiva una sezione serale per studenti lavoratori.
l termine del V anno lo studente consegue il diploma di “Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera” che permette l’inserimento nel mondo del lavoro oppure l’accesso a qualsiasi facoltà universitaria. Con questo diploma le possibilità di impiego sono vaste e redditizie. L’Istituto, durante l’anno scolastico, partecipa a varie mani­festazioni enogastronomiche, concorsi culinari e di sala bar, preziose opportunità di crescita professionale. Da alcuni anni sono attivi c/o il nostro istituto

CORSI SERALIPER ADULTI  secondo le articolazioni previste dalla nuova normativa. Il Diplomato in “Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera” previa richiesta di iscrizione, può far parte dei registri Esercenti il commercio (REC). Inoltre, il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera” ha spe­cifiche competenze tecniche, economiche e norma­tive nelle filiere dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi.

È in grado di: utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e l’oraganizzazione della commer­cializzazione, dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalitàorganizzare attività di pertinenza, in riferimento

agli impianti, alle attrezzature e alle risorse umane; applicare le norme attinenti la conduzione dell’esercizio, le certificazioni di qualità, la sicurezza  e la salute nei
luoghi di lavoro;- utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente e finalizzate all’ottimizzazione della qualità del
servizio;- comunicare in almeno due lingue straniere

- reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi;

- attivare sinergie tra servizi di ospitalità-accoglienza e servizi enogastronomici;

- curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei suoi prodotti.

Le possibilità di impiego sono vaste e facilitate dalla partecipazione a stage che avvicina­no lo studente al mondo del lavoro:-nelle cucine di ristoranti ed alberghi;

- nei servizi di ristorazione e di bar;
- nelle compagnie di navigazione ed aeree;
- nei servizi di segreteria degli alberghi.

* L’attività didattica di laboratorio caratterizza l’area di indirizzo dei percorsi degli Istituti Professionali; le ore
indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti
tecnico-pratici.
Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di
compresenza nell’ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.
(°) con il decreto ministeriale di cui all’art. 8, comma 4, lettera a) è determinata l’articolazione delle cattedre
in relazione all’organizzazione delle classi in squadre.

Nell’articolazione “Enogastronomia”, il diplomato è in grado di intervenire nella valoriz­zazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti eno­grastronomici; operare nel sistema produttivo promuovendo le tradizioni locali, nazionali e internazionali, e individuando le nuove tendenze enogastronomiche. A conclusione del percorso quinquennale, i diplomati nell’articolazione “Enogastronomia” consegue i risultati di apprendimento in termini di competenze.
1. Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico, chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico.
2. Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a specifiche necessità dietologiche.
3. Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati, valorizzando i prodotti tipici.
4. Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse.
5. Utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera.
6. Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi.
7. Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individ­uando le nuove tendenze di filiera.
8. Applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti.
9. Attuare strategie di pianificazione, compensazione, monitoraggio per ottimizzare la produzione di beni e servizi in relazione al contesto.

* L’attività didattica di laboratorio caratterizza l’area di indirizzo dei percorsi degli Istituti Professionali; le ore
indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.

Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell’ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.
(°) con il decreto ministeriale di cui all’art. 8, comma 4, lettera a) è determinata l’articolazione delle cattedre in
relazione all’organizzazione delle classi in squadre.

Nell’articolazione “Servizi di sala e di vendita”, il diplomato è in grado di svolgere attività opera­tive e gestionali in relazione all’amministrazione, produzione, organizzazione e vendita di prodotti e servizi enogastronomi­ci; interpretare lo sviluppo delle filiere enograstronomiche per adeguare la produzione e la ven­dita in relazione alla richiesta dei mercati e della clientela, valorizzando i prodotti tipici. A conclu­sione del percorso quinquennale, i diplomati nei “Servizi di sala e vendita”, conseguono i risultati di apprendimento descritti in termini di competenza.

  1. Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico, chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico.

    2. Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a specifiche necessità dietologiche.

    3. Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati, valorizzando i prodotti tipici.


* L’attività didattica di laboratorio caratterizza l’area di indirizzo dei percorsi degli Istituti Professionali; le ore
indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.

Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di com-
presenza nell’ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.
(°) con il decreto ministeriale di cui all’art. 8, comma 4, lettera a) è determinata l’articolazione delle cattedre in
relazione all’organizzazione delle classi in squadre.

Nell’articolazione “Accoglienza turistica”, il diplo­mato è in grado di intervenire nei diversi ambiti delle attività di ricevimento, di gestire e organiz­zare i servizi in relazione alla domanda stagionale e alle esigenze della clientale; di promuovere i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione di prodotti turistici che valorizzano le risorse del territorio. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’articolazione “Accoglienza turisti­ca” consegue i risultati di apprendimento specifi­cati in termini di competenze.

   1. Utilizzare le tecniche di promozione, ven-
dita, commercializzazione, assistenza,
informazione e intermediazione turistico-
alberghiera.

    2. Adeguare la produzione e la vendita dei
servizi di accoglienza e ospitalità in relazione alle richieste dei mercati e della clientela.

 3. Promuovere e gestire i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione dei servizi turistici per valorizzare le risorse ambientali, storico­artistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio.

 4. Sovrintendere all’organizzazione dei servizi di accoglienza e di ospitalità, appli­cando le tecniche di gestione economica e finanziaria alle aziende turistico­alberghiere.

* L’attività didattica di laboratorio caratterizza l’area di indirizzo dei percorsi degli Istituti Professionali; le ore
indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.

Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell’ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.
(°) con il decreto ministeriale di cui all’art. 8, comma 4, lettera a) è determinata l’articolazione delle cattedre in
relazione all’organizzazione delle classi in squadre.

Partecipazione a concorsi, alternanza scuola-lavoro, manifestazioni, stage per l’enogastronomiae l’ospitalità alberghiera

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu